7 consigli per evitare il phishing

Come difenderti dal phishing ed evitare attacchi di truffa informatica ai tuoi dati sensibili.

7 consigli per evitare il phishing

Parlando del mondo online in termini di sicurezza, ci sarebbero moltissime cose da dire.

Noi di Klekoo siamo particolarmente attenti a prevenire le problematiche di sicurezza che possono verificarsi ai giorni d’oggi, ahinoi con molta frequenza.

Gli attacchi ai dati sensibili sono in continuo aumento e le tecniche di phishing stanno diventando sempre più raffinate.

 

Che cos’è il phishing?

Il phishing è una tipologia di truffa informatica che consiste nell’invio, da parte di malintenzionati utenti del web, di e-mail o sms fraudolenti o sospetti, che richiedono con urgenza di cliccare un link o un pulsante, con lo scopo di ottenere informazioni bancarie e personali dell’utente. Il messaggio, solitamente, invita a collegarsi a un sito web graficamente simile a quello originale a cui si è soliti accedere, in cui viene chiesto di inserire alcune informazioni personali come il numero di conto corrente o la password di accesso. Le informazioni inserito verranno poi reperite dal malintenzionato che potrà utilizzarle per appropriarsi dell’identità di chi ha abboccato all’inganno.

 

Ci sono alcune accortezze, piuttosto semplici, per potersi difendere da questo fastidioso inconveniente con lo scopo di non doversi ritrovare spiacevoli situazioni.  

 

1-Non dare a nessuno le tue credenziali di accesso a qualsiasi portale,

2-Custodisci attentamente il tuo cellulare, in qualsiasi situazione,

3-Se dovessi ricevere una e-mail o un SMS che richiede di cliccare urgentemente un link o un pulsante, o ancora peggio, i tuoi codici di accesso ad un’area clienti, non rispondere e non fare niente di quanto ti viene richiesto. Soprattutto se la comunicazione proviene dalla tua banca, insospettisciti e non rispondere in alcun modo, la tua banca non chiederà mai tali informazioni via e-mail,

4-Diffida dai messaggi non personalizzati, scritti in forma poco scorretta, che utilizzano toni intimidatori e che incutono urgenza o paura. La maggior parte delle volte, se si verifica un problema di sicurezza dei tuoi dati, verrai contattato personalmente da un collaboratore della piattaforma interessata oppure riceverai una mail formale in cui vengono spiegate le cause e le conseguenze del disguido e il modo in cui puoi rimediare,

5-Ricorda di non cliccare gli allegati, se presenti nella e-mail che hai ricevuto, rischieresti di scaricare un’applicazione spyware o un virus che espone il tuo dispositivo ad estrema vulnerabilità,

6-Diffida di e-mail con indirizzi web molto lunghi e con caratteri insoliti su cui sei invitato a cliccare,

7-Quando inserisci dati riservati in una pagina web, assicurati che sia una pagina protetta. Puoi riconoscere una pagina protetta quando, cliccando la barra dell’URL del browser, compare la dicitura https:// e non http://.

 

Pertanto, se ti trovi davanti ad una situazione sospetta, ad una e-mail o ad un SMS scritti male, rifletti bene prima di cliccare. Non c’è alcuna complicazione che non possa essere risolta con qualche minuto in più, anche il minimo dubbio deve essere accolto e, se possibile, verificato tramite una ricerca web per verificare se è una comunicazione normale e se altre persone, prima di te, si sono ritrovate nella tua stessa situazione.